top of page
  • Immagine del redattoreSearching The Outback

Iveco Daily 4x4: RESTAURO integrale

...Lui ancora non lo sà, ma diventerà la nostra casa su ruote...

Nicola ed Eugenia dentro Iveco Daily arrugginito

Ciao! Siamo Eugenia e Nicola ed il nostro sogno è di vivere girando il mondo.


Per realizzare questo sogno servivano 3 cose:

- imparare un nuovo stile di viaggio

- svincolarci dal posto di lavoro

- trovare il mezzo adatto


Tre anni fa abbiamo iniziato a viaggiare inventando CampUp e camperizzando la macchina DIY: a nostro modo abbiamo scoperto la VanLife e ce ne siamo innamorati, la vecchia frase "home is where you park it" si è presto trasformata in "Natura è Casa".


La passione per questo stile di viaggio si è concretizzata in un lavoro a tempo pieno, grazie all'impegno di Eugenia con i social il progetto CampUp si è fatto notare e nel 2022 è nata la CampUp srl. Ora possiamo fare promozione lavorando in smart working per discreti periodi di tempo.


Infine abbiamo comprato questo Iveco Daily 4x4 del 1989, omologato camper.

In questo articolo scoprirai cosa può succedere se affidi il tuo sogno di vita nomade ad un camper 4x4 con più di 30 di viaggi alle spalle: la ruggine non è esperienza!

bellissimo Iveco Daily 4x4 in mezzo al prato

Abbiamo scelto l' Iveco Daily 4x4 in quanto volevamo un veicolo in grado di portarci ovunque, non esageratamente grosso ma sufficientemente grande nel caso in cui la famiglia si allarghi. Per quanto riguarda dimensioni e modello tutto ok, ma sul portarci ovunque siamo stati fortunati ad arrivare a casa.

Il momento storico non era favorevole, l'abbiamo comprato lo stesso e siamo rimasti amaramente truffati
Iveco daily 35-10 modello 4x4

L'alternatore ci ha abbandonati lasciandoci in eredità una spia accesa. Smontando il cruscotto per le riparazioni abbiamo trovato il piantone crepato e i montanti completamente corrosi dalla ruggine.


Essendo crepata una parte strutturale della cabina abbiamo allargato le ricerche fino a scoprire che l'intera carrozzeria era marcita a tal punto

da essere irrecuperabile.


Di buono c'era rimasto solo il telaio, il motore ed il tetto in vetroresina.




Per fare risanare la carrozzeria ad un professionista abbiamo ricevuto preventivi da €40.000

Siamo caduti nello sconforto più totale e ci sono voluti mesi per accettare il fatto che cercavamo la vanlife ma abbiamo vinto una lezione di meccanica applicata e tanto duro lavoro.


L'alternativa migliore al restauro è la sostituzione della scocca recuperandola da un altro Iveco Daily. Così facendo non servirebbe il modello 4x4 ma si potrebbe adattare la versione stradale prodotta fino al 1989. La versione successiva purtroppo ha il passo 10 cm più lungo.


Dopo oltre 10 mesi di ricerca in tutta Italia non siamo riusciti a trovare un'altra scocca compatibile con il nostro telaio in condizioni accettabili. Approfondendo le ricerche abbiamo scoperto che la prima serie dei Daily non ricevevano il trattamento di zincatura, fondamentale per la durata, ed anche con le vernici erano stati piuttosto spilorci: la ruggine sui primi Iveco Daily era praticamente di serie!



In tutto questo tempo non ci siamo limitati ad aspettare che capitasse un colpo di fortuna, controllando su Subito.it ogni 30 minuti. Nicola da buon meccanico e progettista ha passato svariate giornate incastrato tra tubi e cavi elettrici per cercare una soluzione che fosse fattibile in DIY con una saldatrice e poco più.


La cosa più difficile sarà ottenere un risultato professionale con la poca attrezzatura che abbiamo a disposizione

 

Come restaurare in garage un Iveco Daily 4x4

  • Smontare il tetto e la scocca senza farsi schiacciare

  • Trovare una cabina in buone condizioni

  • Portare "a lamiera" il telaio e la nuova cabina

  • Risanare i punti più profondamente intaccati dalla ruggine

  • Verniciare telaio e fondo cabina

  • Montare la cabina sul telaio

  • Ricostruire di taglio laser tutta la parte posteriore

  • Riparare il tetto in vetroresina

  • Sigillare il tetto alla nuova scocca

  • Verniciatura finale

  • Montaggio parabrezza

  • Incollaggio finestre

  • Camperizzazione interna


Passaggio 1: Come iniziare il restauro integrale dell' Iveco Daily 4x4


L'idea è quella di partire da una cabina in buone condizioni (solo i 3 posti davanti per intenderci) in quanto sono più facili da trovare e più piccole da riparare.

A questa cabina ricostruiremo artigianalmente tutta la furgonatura posteriore ricopiando quella originale e facendola tagliare al laser.

Questo ci permetterà un'altissimo livello di personalizzazione degli interni ed ottimizzazione degli spazi, inoltre avremo la possibilità di controllare ed imparare a conoscere a fondo quella che diventerà la nostra casa a 4 ruote (motrici!) ma prima di tutto bisogna smontare la vecchia carrozzeria per far spazio al nuovo progetto!

La gru solleva con corde la scocca dell'Iveco daily 4x4 - Eugenia ha una faccia sconcertata

non sapevamo come sollevare in sicurezza tutto quell'ammasso di lamiera, poi è arrivata la soluzione creativa

Con 2 corde, una ruspa ed un pò di fantasia, è iniziato il restauro integrale del mitico Daily 4x4.

Superata la paura iniziale ci siamo resi conto di avere un occasione unica, possiamo ricostruire casa partendo dalle fondamenta e preparando il Daily alle prossime avventure in giro per il mondo.




Passaggio 2: Preparazione dei componenti e ricerca cabina


In tutto questo la ricerca della cabina non si è mai fermata ma sembra che nel 2023 tutti abbiano un Daily da aggiustare. Per semplificarci la vita ci serve la versione originale Iveco Daily 1 serie, in modo da poter utilizzare l'impianto elettrico originale della cabina donatrice.


Acquistando un mezzo già camperizzato, l'impianto elettrico originale è stato massacrato a tal punto da renderne molto difficile il recupero.

Al momento abbiamo trovato solo cabine di altre versioni, come OM Grinta ed Alfa Romeo AR8 che però hanno un cablaggio differente. Dovendo ancora effettuare tutti i lavori di preparazione continuiamo la ricerca sui vari siti e chiamiamo a tappeto tutti i demolitori del nord Italia.

Eugenia che pulisce il telaio dell Iveco daily 4x4

Ora che abbiamo il telaio a nudo, iniziamo i lavori di risanamento e di preparazione alla verniciatura. Smontiamo tutte le staffe, i supporti, i tubi, l'impianto frenante e i vari leveraggi in modo da poter accedere a tutti i punti del telaio con trapani e spazzole, cartavetrata o flessibile in base a quanto la ruggine è penetrata.



Smontiamo ciascuna ruota per lavorare meglio su braccetti e balestre annotando tutte le cuffie, i soffietti e le altre parti in gomma rovinate. Questo renderà molto più confortevole la marcia e allungherà la vita alla trasmissione riducendone le vibrazioni.


Prepariamo tutte le superfici da verniciare con carta vetrata P100 fino a raggiungere il buono in modo da garantire una perfetta aderenza ai trattamenti successivi.


Passaggio 3: Progettazione e ricostruzione furgonatura


Per defaticare dal lavoro manuale, si procede con il rilevamento delle misure dalla scocca originale inserendole nel CAD per ottenere i modelli 3D delle lamiere da fare poi tagliare al laser.

disegno in 3D della scocca che vogliamo realizzare e che fisseremo al telaio del Daily 4x4

Il taglio laser è una tecnologia che permette di sagomare perfettamente lamiere fino a 15 mm di spessore e l'azienda con cui collaboriamo offre anche il servizio di piegatura.

Calcolando bene gli incastri, le sovrapposizioni e giocando con i punti di flessione è possibile ricostruire l'intera furgonatura "ad incastro" permettendoci di trasportare i pezzi più agevolmente ed assemblarli in garage.


Abbiamo optato per questa soluzione in quanto è quella che garantisce la miglior durata nel tempo senza alterare la forma del mezzo. Ricalcando in modo fedele le nervature, le lamiere e gli spessori otterremo una scocca che sotto sollecitazioni lavorerà esattamente come l'originale ma con molta meno ruggine addosso.


Le lamiere verranno fissate all'intelaiatura tramite colle e punti di saldatura, smerigliate accuratamente, stuccate e levigate in preparazione alla verniciatura


Passaggio 4: Riparare il tetto


Saltando questo passaggio tutti gli sforzi precedenti saranno vanificati. E' da qui che sono cominciati i problemi di ruggine sulla carrozzeria del Daily, l'acqua entrando dai buchi del portapacchi è colata sulle grondine interne ed ha fatto marcire tutto.


tetto in vetroresina da aggiustare e rimontare su Daily 4x4

Oltre ai fori del portapacchi ci sono alcune crepe sui bordi di congiunzione ed un paio di oblò da chiudere, per il resto la vetroresina si presenta in buono stato nonostante ci siano rimasti i residui della colla utilizzata per fissare la lana di roccia nel vecchio isolamento.


Prepareremo la superficie interna con cartavetrata P80 e toglieremo la vernice dai bordi da riparare in modo da garantire una perfetta presa alla resina epossidica. Oltre alle pezze di riparazione aggiungeremo uno strato completo di vetroresina su tutta la superficie per essere sicuri che il tetto sia ermetico, tornerebbe scomodo doverlo smontare alla fine!


Asciugata e rifilata la vetroresina in eccesso si passa alla preparazione della superficie esterna con carta vetrata P120. Una volta spazzolata e pulita tutta la superficie si procederà all'incollaggio sulla scocca con la specifica colla.


Passaggio 5: Verniciatura e incollaggi secondari


aerografo per pitturare il telaio del Daily 4x4

Non vediamo l'ora che arrivi questo momento! Mancando ancora tanto lavoro prima di montare l'aerografo al compressore possiamo permetterci di fantasticare ancora un pò sul colore, ma la tipologia di vernice dovrà essere facilmente applicabile anche a pennello (soprattutto per il telaio in quanto non abbiamo modo di sollevarlo e ci dovremo infilare sotto), molto tenace e di lunga durata.


Possibilmente opaca per concederci un pò di margine d'errore.


Il telaio e tutti i componenti meccanici agganciati ad esso saranno i primi componenti a ricevere il trattamento, poi verrà dato il fondo alla cabina restaurata e al pianale ricostruito. Solo in ultimo verrà effettuata la verniciatura alla carrozzeria (già installata sul telaio) completa di tetto in vetroresina ma senza parabrezza, portiere e finestre in modo da sigillare ogni punto e prevenire future corrosioni.


In ultimo saranno incollate le finestre, gli oblò e i loghi originali che siamo riusciti a recuperare!

 

Il grosso è fatto!


Abbiamo visto come restaurare in modo integrale un Daily 4x4 in garage con una buona dose di creatività e fai da te, ma la stessa procedura può essere applicata ad altri mezzi strutturati nello stesso modo.


Al momento abbiamo finito la preparazione del telaio ma tante ne devono ancora capitare prima di rimetterlo in moto.

Mentre il telaio andrà dal meccanico a fare un check up completo e la revisione al motore, inizia la fase di ricerca dei prodotti migliori per procedere con i vari trattamenti e gli incollaggi necessari a restaurare il Daily.


Se hai esperienza diretta con prodotti che ci potrebbero semplificare la vita o hai voglia di collaborare a questo progetto con noi scrivi ad info@searchingtheoutback.com.


L'obiettivo finale non è un rimettere in marcia semplice camper, ma il restauro integrale di un mezzo ormai da demolire per trasformarlo in una casa a quattro ruote pronta a viaggiare con tutte le malizie del caso.


Segui il restauro completo sul canale YouTube e gli avanzamenti quotidiani sui social Instagram e Facebook, nel prossimo articolo condivideremo l'attrezzatura utilizzata e i risultati dei primi passaggi!


Buon viaggio,


Eugy & Nico

252 visualizzazioni1 commento
bottom of page